Parlate riminesi #13

Posted · Add Comment

Nelle puntate precedenti abbiamo visto che la parlata in cui il nome della città di Rimini è ‘Rémmin’ è caratterizzata dalla tendenza a conservare la penultima vocale nelle parole che originariamente avevano l’accento sulla terzultima. Ad esempio le parole con cui si denotano il padrino e la madrina derivano dalle voci volgari SÀNTOLO e SÀNTOLA, […]

E sol

Posted · Add Comment

          L’ha lavurè tot oz e l’è un po’ strach l’ha zost e temp da des na rinfrescheda   ma nun us pies pinsè c’lè andè a durmì ma lò l’è za ste sò d’un elta perta   IL  SOLE   Ha lavorato tutto il giorno ed è un po’ stanco […]

Parlate riminesi #12

Posted · Add Comment

Al termine della puntata precedente ho detto che questa volta avrei allargato il nostro orizzonte ai dintorni della città. Ora, considerando le parlate e i dialetti che si incontrano nella cintura di Rimini, già a partire dalla periferia, mi verrebbe da dire che la caduta della penultima vocale è pressoché sistematica, ma bisogna tenere conto […]

Parlate riminesi #11

Posted · Add Comment

I lettori che hanno avuto la pazienza di leggermi fin qui si saranno un po’ annoiati a seguire nei dettagli le complicate vicende delle vocali non accentate nel corso dei secoli, e devo confessare che la nostra analisi di questi sviluppi non è ancora terminata. Ma vedremo che questa fatica ci sarà utile, non solo […]

Parlate riminesi #10

Posted · Add Comment

Dopo aver analizzato per diverse settimane il comportamento delle vocali non accentate, la volta scorsa abbiamo sollevato un problema legato allo sviluppo delle vocali accentate, e precisamente quello della A accentata. Preso atto che nell’area riminese da PÀLO si ha ‘pèl’, ci aspettiamo in genere di trovare ‘è’ come esito di A davanti alle consonanti […]

Parlate riminesi #9

Posted · Add Comment

Abbiamo visto che le vocali non accentate possono cadere (per poi essere eventualmente “compensate” dall’inserimento di vocali non etimologiche), oppure ridursi ad altre vocali. Ad esempio la prima E di MELÓNE cade e resta ‘mlòun’; anche la prima E di REFÀRE cade, ma viene “compensata” da una ‘a’, e così si ha ‘arfè’. Invece la […]

Nuvembri – (Baldo Stevazzi)

Posted · Add Comment

        U iè cla nebiulina bagneda che per clat sporca I culor i spares e al fazi li dventa tresti E per fat a posta per fet capì che i que l’è mei arivè piò terd cus po’ Drenta – a cnos piò zenta che ad fora   Te campsent e fred […]

 

hosting by:

patrocinio di: