“La risposta”

Posted · Add Comment

I mè sèmpra stè sé cara quìj chi s’arcòrda snà in chè dé
che sia l’òt ad mèrz o vintizìnc d’avrìl, ad dmènga o lunedè
Dó parulini, una bèla frèsa, magari la stèssa cavèda dè cassèt
sènza nisùna passiòun né ragiunamènt, impurtènt clà faza effèt
Che pó ch’jèl dé “bòna nòta sonadór” chè e’ pasèd un pó turnè,
destra e sinéstra l’in gnè piò e alóra un convèin miga bazilè
Ma se è vintisèt ad znèr i l’è la zurnèda mundièla dlà memoria
ènca alla faza ad tót i paracùl, bsägna imparè qualcosa da la storia
Perché, la dis la Elsa, che sa sém tót bucalùn, un mat è pó scapè fóra
chè zènta slà testa rasèda e la svastica in tl’alma, la jè èncóra
Per nu dì ad quìl che la matèina jè còntra e la sera i va a brazèt
e per i su interès is més-cia sa tót cmè è pès dèntra è brudèt
Stèm’atèinti, s’aracmànda la Elsa, che cl’urór jè stè da bòn miga un fìlm
e u sa da fè in mòd, ugnùn per la su pèrta, che sia l’ultme nà è prìm
e sa n’avì emuziòun, pruvè a pensè ma quìl pèla ed òsi ciùs in te ricìnt
sa chi vistìd a righi, sènza pió surìs e da magnè pòc o gnìnt
sa chi oćć scarplèd, e’ terór tal vèini e che fóm cl’arvèva tal nasèli
mèntra la spariva ogni sperènza che me mänd uj pòsa ès dal cosi bèli
Clà sperènza al’avèm truvèda nùn e alora in t’un dè come quèst
uj vò la dmànda “a slà meritém?” ma ènca la risposta, sa sém unèst

Ho sempre criticato quelli che celebrano le “giornate” importanti ricordandosi dei contenuti solo in quel giorno dall’8 marzo (Giornata Internazionale della Donna) al 25 aprile (Festa della Liberazione), quelli che se la cavano con qualche bella parola, una citazione, magari la stessa degli anni precedenti, senza passione, senza alcuna riflessione, solo per ottenere un riscontro opportunistico.

Prigionieri dei lager

Prigionieri dei lager

Un giorno, dopotutto, dimenticato, tanto è il pensiero ricorrente: “il passato è passato e non può tornare, destra e sinistra non ci sono più dunque mica conviene preoccuparsi”. Ma se il 27 gennaio è stata dichiarata Giornata Mondiale della Memoria, anche alla faccia degli opportunisti, dobbiamo imparare qualcosa dalla Storia.

Dice la Elsa che se ci beviamo tutto e restiamo passivi, un “matto” può sempre venir fuori perché, di gente con la testa rasata e con la svastica nell’animo, ce n’è ancora, per non dire di quelli che al mattino sono contro il nazifascismo e di sera fanno progetti coi loro eredi e, pur di raggiungere le proprie mire, non solo si alleano con tutti, ma si mischiano come un pesce dentro il brodetto.

Stiamo attenti, non abbassiamo la guardia, raccomanda la Elsa, ché quell’orrore è accaduto davvero, non è stato un film e dobbiamo fare in modo, ognuno per la propria parte, che sia stato l’ultimo; se vi capita di perdere la giusta tensione emotiva, provate a pensare a quelli pelle ed ossa, chiusi nel lager, con il vestito a righe, il sorriso spento e poco o niente da mangiare, con quegli occhi dilatati dal terrore e l’odore acre di quel fumo che lambiva le narici mentre svaniva la speranza che al mondo ci potesse essere qualcosa di bello.

Quella speranza l’abbiamo raccolta noi ed allora, in un giorno come questo, ci dobbiamo chiedere “ma ce la stiamo meritando?” e dobbiamo darci una risposta sincera, se siamo onesti.

Buona Giornata della Memoria,

Grazia Nardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *