“L’an nòv”

Posted · 1 Comment

Un’è j’an chi pasa
a sém nùn ca dvéntém već
In e‘i sèntimènt ch’is lasa
l’è còr che c’un se guèrda piò me’ spèć
E se fina e’ trentun l’è andè tót mèl
e a fèt j’auguri je quìl chinn’a vòja
e dì dop un cambia gnìnt e t’an vè in vèl
se ta n’è sòld, salute e pèsa in famèja

Non sono gli anni che passano
siamo noi ad invecchiare
e non sono i sentimenti che ci abbandonano
ma è il cuore che non si riflette più
E se fino al trentuno è andato tutto male
ed a farti gli auguri sono quelli che li fanno senza convinzione
il giorno dopo non può cambiare niente né si aprono nuove prospettive
se non ci sono soldi, salute e pace in famiglia

Grazia Nardi

One Response to "“L’an nòv”"
  1. Angelo ha detto:

    Grande Grazia. Ti ringrazio tanto per riportarmi con la memoria a quando ero un bambino e vivevo tutte quelle situazioni che tu con grande maestria racconti. Continua a scrivere.
    Io non vedo l’ora di leggere sempre un nuovo racconto.
    Grazie ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *