Maz (Maggio)

Posted · Add Comment

 

 

 

 

 

Maz

A scap de let

e a met i pid ma tera

a trov al maduneli giazi

prema dal sciafli

 

Fora da chesa

um vin la pela plina

e per c’lapa piuvù

ma l’è sna brina

 

A vag tla stala

a monz una munghena

e fiè dal besci e fomma

l’udor de lat um fa vni fema

 

E sol e per un fug

sora me gren che brusa

um imbarbaia i oc

totta cla lusa

 

E farà cheld tut oz

dop ste frischin

am met e bret in testa

e a begh un goz ad vein

 

Maggio

Esco dal letto

e metto i piedi per terra

trovo is levitra generic le mattonelle ghiacce

prima delle ciabatte

 

Fuori di casa

mi viene la pelle d’oca

sembra che abbia piovuto

ma è solo brina

 

Vado nella stalla

a mungere una mucca

il fiato delle bestie fuma

l’odore del latte mi fa venir fame

 

Il sole sembra un fuoco

sopra il grano che brucia

mi abbaglia gli occhi

tutta quella luce

 

Farà caldo tutt’oggi

dopo questo freschino

mi metto un cappello in testa

e bevo un goccio di vino

 

(Baldo Stievazzi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *