Buon compleanno, Scilla!

Posted · 2 Comments
gabel_odissea

Scilla Gabel ne “L’Odissea” (1968)

Gianfranca Gabellini, in arte Scilla Gabel, nasce a Rimini il 4 gennaio 1938.

Dopo gli studi all’Accademia d’Arte Drammatica di Roma, debutta nel 1957 sul grande schermo sia come attrice dal fisico procace sia come controfigura di Sophia Loren (alla quale assomiglia in modo particolare) nel film “Il ragazzo sul delfino“; nello stesso periodo esordisce in televisione con lo sceneggiato “Capitan Fracassa“, di Anton Giulio Majano, nel ruolo di Zerbina.

Nel decennio 1957-1967 interpreta numerose pellicole cinematografiche (lavorando, tra gli altri, con registi del calibro di Mastrocinque, Steno, Orsini, Aldrich, Leone e i fratelli Taviani) ma, stretta in ruoli spesso stereotipati e senza la possibilità di esprimere adeguatamente il proprio talento (peraltro in pellicole troppo spesso di scarso rilievo), non ottiene un adeguato riscontro artistico e professionale.

È invece attraverso altri palcoscenici, ovvero il teatro, dove esordisce nei primi anni Sessanta per poi recitare accanto a personaggi come Albertazzi, Magni, Rici, Tofano, Bramieri, Zoppelli, Bosetti (ma che abbandonerà nel 1974 dopo la nascita del figlio Emiliano) e, soprattutto, la televisione, che Scilla riesce a raggiungere la meritata notorietà: sul piccolo schermo si ricordano Una tragedia americana (1962), l’Odissea (1968), E le stelle stanno a guardare (1971), L’assassinio dei Fratelli Rosselli (1974) e, diretta dal marito Piero Schivazappa, Il garofano rossoDov’é Anna? (1976); le sue interpretazioni le permettono di diventare una vera e propria icona televisiva del tempo, di grande popolarità e riscontro, ulteriormente consolidata con L’Esclusa (1980), Un eroe del nostro tempo (1982) e Quer pasticciaccio brutto de via Merulana (1984).

2 Responses to "Buon compleanno, Scilla!"
  1. Mariaa ha detto:

    Tanti Auguri di Buon Compleanno, Scilla

  2. Carlo Alberto ha detto:

    Buon giorno Scilla.Vorrei sapere che fine a fatto l’attrice lynn shaw.Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *