La strada del gas

Posted · Add Comment

In dialetto la chiamavano “La streda de gas” ma il suo vero nome era “via degli orti” perché la zona era piena di orti.

Era costeggiata a monte da una lunga mura alta e al di là della quale vi era il deposito locomotive delle Ferrovie dello Stato, l’officina per la loro riparazione e un grande parco con tanti binari per lo smistamento delle locomotive e dei carri ferroviari.

Nell’altro lato della via (lato mare) vi era un fosso puzzolente e al di là una siepe alta oltre la quale vi erano gli orti. Il fosso serviva per lo scarico dell’officina del gas dove si bruciava il carbone vergine; col gas prodotto si alimentavano i grandi serbatoi che, a mezzo di condutture, alimentavano l’illuminazione della città: essa era disseminata di lampioni collegati alle tubazioni del gas che a sera venivano accesi dai lampionai per mezzo di una lunga asta in cima alla quale brillava una fiammella.

Oltre all’illuminazione pubblica l’impianto alimentava, con regolare contatore, alberghi, ristoranti, negozi e uffici.

[…] L’officina del gas, bruciando il carbone vergine, produceva il carbone coke che si vendeva ai fabbri della città che l’adoperavano nelle forge.

Il racconto prosegue sul blog di Nonno Guido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *