Pubblicato 3 ore fa

Rimini Sparita

al mare con la fidanzata ... EspandiRiduci

al mare con la fidanzata

Pubblicato 7 ore fa

Rimini Sparita

Uno sguardo dal #grattacielo di #rimini di Davide Minghini #bibliotecagambalunga #riminisparita #vintagephotos ... EspandiRiduci

Uno sguardo dal #grattacielo di #rimini di Davide Minghini #bibliotecagambalunga #riminisparita #vintagephotos

Pubblicato 9 ore fa

Rimini Sparita

“Cosa ci hanno lasciato" di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“L’è tóta quis-ciòun ad furtuna…”
Dipende tutto dalla fortuna.. una considerazione fatalista e pessimistica più frequente in un periodo in cui c’era poco da sperare nelle proprie scarsissime (o inesistenti) risorse….era spesso riferita ai medici, quelli che facevano “gl’uperaziòun”… “je tót brèv quand in sbaja… l’è tóta quis-ciòun ad furtuna… s’et nas sgrazièd un gnè gnìnt da fè..” ma anche ai mariti “ puretta la n’ha indvinè… l’è tóta quis-ciòun ad furtuna…”
Un fatalismo che non portava certo all’inerzia, anzi proprio perché si sapeva, si credeva di poter contare solo sulle proprie forze, il massimo dell’interesse e dell’impegno andava al lavoro.. chè perderlo o non averlo era già una tra le peggiori disgrazie…così per la salute.. si sfidava la sorte andando a lavorare “ènca sé mèl m’adòs” perché costretti, davanti a “chè mastèl” (di cemento) pìn ad pan”, posto nel cortile, all’aperto, nelle case signorili o nelle pensioni estive… la lavandaia che rincasava con gli abiti bagnati si predisponeva ad un’artrosi severa che le avrebbe presentato il conto negli anni futuri, la schiena massacrata negli orti, le ginocchia consumate dei piastrellisti, il fegato intossicato dei verniciatori, i polmoni fusi dei minatori, gli occhi consumati delle sartine….ma era necessario, paradossalmente, per vivere e far vivere la famiglia..mentre al di fuori del lavoro bisognava stare attenti “tnila d’acòunt la saluta.. chè se capita un spèin a sém arvinèd”..Eh sì la fortuna veniva associata spesso al lavoro… “l’è stè fòrtunèd….ad éntrè te’ cumùn, tla fèrovià…in antitesi.. “purèt.. l’è stè pròprie sgrazièd.. adès cl’aveva truvè un bòn lavór u ja ciap un prél”… Dunque più che alla fortuna si credeva maggiormente al suo contrario “quèl l’ha tròv mél frènc par tèra… me a so pasa di lè dó vòlt ma n’ho vèst gnìnt…” e soprattutto la fortuna non si tentava mai..non si giocava al lotto “tanimòdi l’è pió quèl c’us pèrd che c’us vìnz…” né alle lotterie “tanimòdi nun a sém sgrazièd …” e credo di aver assimilato quel pensiero se è vero che non mi ha mai tentato neppure un “gratta e vinci”..
#buonamemoria
... EspandiRiduci

“Cosa ci hanno lasciato di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“L’è tóta quis-ciòun ad furtuna…”
Dipende tutto dalla fortuna.. una considerazione fatalista e pessimistica più frequente in un periodo in cui c’era poco da sperare nelle proprie scarsissime (o  inesistenti) risorse….era spesso riferita ai medici, quelli che facevano “gl’uperaziòun”… “je tót brèv quand in sbaja… l’è tóta quis-ciòun ad furtuna… s’et nas sgrazièd un gnè gnìnt da fè..”  ma anche ai mariti “ puretta la n’ha indvinè… l’è tóta quis-ciòun ad furtuna…”
Un fatalismo che non portava certo all’inerzia, anzi proprio perché si sapeva, si credeva di poter contare solo sulle proprie forze, il massimo dell’interesse e dell’impegno andava al lavoro.. chè perderlo o non averlo era già una tra le peggiori disgrazie…così per la salute.. si sfidava la sorte andando a lavorare “ènca sé mèl m’adòs” perché costretti, davanti a “chè mastèl” (di cemento) pìn ad pan”, posto nel cortile, all’aperto, nelle case signorili o nelle pensioni estive… la lavandaia che rincasava con gli abiti bagnati si predisponeva ad un’artrosi severa che le avrebbe presentato il conto negli anni futuri, la schiena massacrata negli orti, le ginocchia consumate dei piastrellisti, il fegato intossicato dei verniciatori, i polmoni fusi dei minatori, gli occhi consumati delle sartine….ma era necessario, paradossalmente, per vivere e far vivere la famiglia..mentre al di fuori del lavoro bisognava stare attenti “tnila d’acòunt la saluta.. chè se capita un spèin a sém arvinèd”..Eh sì la fortuna veniva associata spesso al lavoro… “l’è stè fòrtunèd….ad éntrè te’ cumùn, tla fèrovià…in  antitesi.. “purèt.. l’è stè pròprie sgrazièd.. adès cl’aveva truvè un bòn lavór u ja ciap un prél”… Dunque più che alla fortuna si credeva maggiormente al suo contrario “quèl l’ha tròv mél frènc par tèra… me a so pasa di lè dó vòlt ma n’ho vèst gnìnt…” e soprattutto la fortuna non si tentava mai..non si giocava al lotto “tanimòdi l’è pió quèl c’us pèrd che c’us vìnz…” né alle lotterie “tanimòdi nun a sém sgrazièd …” e credo di aver assimilato quel pensiero se è vero che non mi ha mai tentato neppure un “gratta e vinci”..
#buonamemoria

 

Commenta su Facebook

Bellissima...Mi ricorda tanto la mia cara nonna Anita...Lei usava sempre queste frasi.....Ci sono cresciuta....Quanto mi mancano.... Quanto ci penso a tutto quello che diceva in dialetto.....😂😂

nel secolo passato forse è stato un periodo di molti avvenimenti tristi...adesso non si crede neanche alla sfortuna ...doveva andare così!!! sarà vero?

Invici...mè a so dli' dea ....che agni tent, e bsogn rea....tni' vert la porta...ma la furtouna....😀.👍

Bravissima Grazia

Grazie molto bella buona serata

È Za,la è proprie isee Breva!!

Mai tentato neppure a me un "gratta e vinci".

+ Vedi più commenti

Pubblicato 10 ore fa

Rimini Sparita

Il trenino dello zolfo - Idreno Piergentili ... EspandiRiduci

Il trenino dello zolfo - Idreno Piergentili

 

Commenta su Facebook

Bellissimo! Riconosco il pittore, avevo 2 quadri dipinti da lui

Pubblicato 11 ore fa

Rimini Sparita

A sèm tót bon e brèv a dì che RS l’è bèla
me’ po’ ai scriv al stòri ad quand a sèra burdèla
ma tót a pùtém fè sintì la nòsta vósa
sal paroli o na foto clas’arcòrda qualcòsa
e RS l’ha n’è snà na pagina, l’è n’associaziòn
cla difònd la nòsta storia ed ènca al previsiòn
racunt, stori, angul dla nosta cità per ès sigur
che ogni tasèl, ogni pzulèin al purtém te’ futur
ognun ad nùn l’è na gòzla, insèin a sèm e’ mèr
e alora èntra ènca te tl’asociaziòn cu n’è gnènca chèr
Me al cunsèderi un unór, ai sò drèinta da an
perché a sò sigura ch’ e’ mènc i lè in sé fa dan.
COGLI L’OCCASIONE
ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE
(Grazia Nardi)
>> www.paypal.me/RiminiSparitaIT/10
... EspandiRiduci

A sèm tót bon e brèv a dì che RS l’è bèla
me’ po’ ai scriv al stòri ad quand a sèra burdèla
ma tót a pùtém fè sintì la nòsta vósa
sal paroli o na foto clas’arcòrda qualcòsa
e RS l’ha n’è snà na pagina, l’è n’associaziòn
cla difònd la nòsta storia ed ènca al previsiòn
racunt, stori, angul dla nosta cità per ès sigur
che ogni tasèl, ogni pzulèin al purtém te’ futur
ognun ad nùn l’è na gòzla, insèin a sèm e’ mèr
e alora èntra ènca te tl’asociaziòn cu n’è gnènca chèr
Me al cunsèderi un unór, ai sò drèinta da an
perché a sò sigura ch’ e’ mènc i lè in sé fa dan.
COGLI L’OCCASIONE
ISCRIVITI ALL’ASSOCIAZIONE
(Grazia Nardi)
>> https://www.paypal.me/RiminiSparitaIT/10

Pubblicato 13 ore fa

Rimini Sparita

La Rimini "dagli" anni settanta in uno scatto di Romano Sanchini ... EspandiRiduci

La Rimini dagli anni settanta in uno scatto di Romano Sanchini

 

Commenta su Facebook

Che bei ricordi, anni settanta

Pubblicato 15 ore fa

Rimini Sparita

un pò di buonumore... ... EspandiRiduci

un pò di buonumore...

 

Commenta su Facebook

fatene un po' anche su chi lo fece abbattere.

Anche quello di Viserba?

Qualche italiano crede ancora in lui???

Il grande buffo

Tanto per ridere poi cosa serve??

... ma scusate ..ha già "messo mano" al Fulgor ???🤨😁

+ Vedi più commenti

Pubblicato 17 ore fa

Rimini Sparita

Piazza Giulio Cesare, prima dell'apertura di via IV Novembre ... EspandiRiduci

Piazza Giulio Cesare, prima dellapertura di via IV Novembre

 

Commenta su Facebook

Giorno di Il Mercato del Centro di Rimini.

Io la tornerei a chiamare con questo nome....

E si lamentano se il mercato è in piazza Tre Martiri! È dal 1860😃😃

Pubblicato 1 giorno fa

Rimini Sparita

gli innamorati ... EspandiRiduci

gli innamorati

Pubblicato 1 giorno fa

Rimini Sparita

“Cosa ci hanno lasciato" di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“Un sé mòv e un sé scrólla”
Praticamente fermo, immobile ma l’espressione non era attribuita ad un soggetto che si stava sottoponendo ad una ripresa fotografica.. era il modo, spesso dispregiativo, con cui ci si riferiva alle persone del tutto prive d’iniziativa, apatiche, indifferenti fino ad arrivare a quelle vagabonde.. persone sorde ad ogni richiamo, ad ogni incitamento. E potevano essere quelli che oggi vengono comunemente definiti “bamboccioni” ovvero figli assai cresciuti che “i sta èncora tachèd m’al sutèni dla mà”, immortalati da Fellini ne “I vitelloni”… quello che mai lavorato o perso il lavoro se ne stava al bar “in attesa” e che veniva apostrofato “con vòja da lavurà salteme addosso”.. e qui si dovrebbe aprire una parentesi chè quel modo di dire ha un accento chiaramente diverso da quello romagnolo e – purtroppo – prendeva spunto da un pregiudizio sulla “mollezza” dei meridionali che, allora, erano per lo più dediti al commercio ambulante, mentre il pacioccone nostrano, detto anche “serafino” veniva apostrofato con un “è nato stanco e vive per riposare”. Parimenti veniva colpita la figlia femmina che mostrava poca attitudine verso i lavori domestici “l’an sé mòv e l’an sé scrólla, la n’ha vòja da fè gnìnt, mè a la su età….” Poi c’erano quelli e quelli impegnati in una qualche attività ma che “ta jè da dì tót.. fa quèst, fa quèl, fa i sé, fa i sa…perché da per lór in sé mòv…”. Al di là della specifica situazione quello che preme – come sempre –è mettere in luce il “colore” di certe espressioni che – tradotte – non rendono la stessa efficace ed anche mettere in evidenza il loro legame con comportamenti e giudizi che riflettevano il senso della vita di allora….si vivevano difficoltà ed ostacoli che solo i più forti, i più “attivi” potevano superare…
#buonamemoria
... EspandiRiduci

“Cosa ci hanno lasciato di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“Un sé mòv e un sé scrólla”
Praticamente fermo, immobile ma l’espressione non era attribuita ad un soggetto che si stava sottoponendo ad una ripresa fotografica.. era il modo, spesso dispregiativo, con cui ci si riferiva alle persone del tutto prive d’iniziativa, apatiche, indifferenti fino ad arrivare a quelle vagabonde.. persone sorde ad ogni richiamo, ad ogni incitamento. E potevano essere quelli che oggi vengono comunemente definiti “bamboccioni” ovvero figli assai cresciuti che “i sta èncora tachèd m’al sutèni dla mà”, immortalati da Fellini ne “I vitelloni”… quello che mai lavorato o perso il lavoro se ne stava al bar “in attesa” e che veniva apostrofato “con vòja da lavurà salteme addosso”.. e qui si dovrebbe aprire una parentesi chè quel modo di dire ha un accento chiaramente diverso da quello romagnolo e – purtroppo – prendeva spunto da un pregiudizio sulla “mollezza” dei meridionali che, allora, erano per lo più dediti al commercio ambulante, mentre il pacioccone nostrano, detto anche “serafino” veniva apostrofato con un “è nato stanco e vive per riposare”. Parimenti veniva colpita la figlia femmina che mostrava poca attitudine verso i lavori domestici “l’an sé mòv e l’an sé scrólla, la n’ha vòja da fè gnìnt, mè a la su età….” Poi c’erano quelli e quelli impegnati in una qualche attività ma che “ta jè da dì tót.. fa quèst, fa quèl, fa i sé, fa i sa…perché da per lór in sé mòv…”. Al di là della specifica situazione quello che preme – come sempre –è mettere in luce il “colore” di certe espressioni che – tradotte – non rendono la stessa efficace ed anche mettere in evidenza il loro legame con comportamenti e giudizi che riflettevano il senso della vita di allora….si vivevano difficoltà ed ostacoli che solo  i più forti, i più “attivi” potevano superare…
#buonamemoria

 

Commenta su Facebook

A me sono rimaste molto impresse, mia nonna era una grande in questo. Molte delle sue frasi le ho capite vere nel tempo, frutto di vita vissuta e ancora mi accompagnano dopo tanti anni

Tutte frasi che sentivamo da bambini e alle volte non capivi il significato 👭👭

Non son nato in Romagna..ma son arrivato Ca' ser un burdell....a teng a ment sta Fresi .... ringrazio x la conoscenza che proponi.... anche perché non mi riesce più di saper dire stalla frasi...tant saluti

Che belle frasi io le dico ancora adesso e le mie nipoti ridono brava buona serata

Sa sta foto....um per da veda i nost guvernent....😀.👍(i sfatiched...) che i rid e in fa'gnent

Tutte frasi e modi di dire sentiti e risentire da mia nonna e da mia madre. Brava come sempre...

l'ha una voipa...l"e'un ciabatoun

+ Vedi più commenti

Carica altro...