Pubblicato 1 ora fa

Rimini Sparita

Una rivisitazione allegorica dei primi anni novanta ... EspandiRiduci

Una rivisitazione allegorica dei primi anni novanta

Pubblicato 5 ore fa

Rimini Sparita

Orso? Yeti delle sabbie' (comunque ci marciava...) ... EspandiRiduci

Orso? Yeti delle sabbie (comunque ci marciava...)

Pubblicato 15 ore fa

Rimini Sparita

la vela ... EspandiRiduci

la vela

Pubblicato 21 ore fa

Rimini Sparita

“Cosa ci hanno lasciato" di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“L’è rvat e’ chèld tót in t’una vòlta… adès ‘tat frég..”
E’ arrivato il caldo all’improvviso. con questi sbalzi di temperatura è più facile ammalarsi…vero ma il rapporto col meteo, da sempre, è intriso di contraddizioni e luoghi comuni…anche da prima che diventasse –come oggi – un punto cruciale dei rapporti tra meteorologi ed operatori turistici. Allora non c’erano le previsioni “scientifiche”… c’era la saggezza popolare, l’esperienza, la competenza di alcune categorie quali gli agricoltori (i cuntadèin) ed i marinai (i marinèr).
Questi conoscevano i venti e dalla loro direzione traevano la previsione: l’e’ vènt da tramuntèna.. se cala us fa un cul ad néva”, osservavano le nuvole ed i loro spostamenti: lì va d’inzó… un piòv..”, seguivano le fasi della luna indicate dai calendari “òz l’ha fat la luna e va e’ tèmp bòn per un més”.
Tiglio si affidava anche al barometro, strumento che a casa nostra non è mai mancato…. Ogni giorno dava i colpetti che spostavano le lancette, fornendo indicazioni inconfutabili “e’ barometrè è va zó—e’ tèmp e’ farà e’ dièvùl”! e non mancava di ascoltare al mattino presto, il bollettino del mare trasmesso dalla radio – la televisione era di là da venire – rivolto ai naviganti..”mare forza 8… moto ondoso in aumento…”.
Ma per gli altri comuni mortali il “tempo” – perché erano così denominate le condizioni atmosferiche”- era motivo in più per sfogare il proprio perenne malcontento….così se il primo caldo era fastidioso “i prim fréd j’è i pió brót”, la nebbia “la t’èntra drènta agli òsi” “ un sarìa gnènca chèld, l’è l’umidità cla t’amaza”, “un pèr gnènca invèrne..us la farà paghè st’istèda..”, “nu lamentèv: l’è chèld ma l’è sót”, “stè garbèin ut va tla tèsta”… e non mancava mai “in gnè pió al mèzi stasòun.. per forza sa tót chi méssìl chi manda só…”!
#buonamemoria
... EspandiRiduci

“Cosa ci hanno lasciato di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“L’è rvat e’ chèld tót in t’una vòlta… adès ‘tat frég..”
E’ arrivato il caldo all’improvviso. con questi sbalzi di temperatura è più facile ammalarsi…vero ma  il rapporto col meteo, da sempre, è intriso di contraddizioni e luoghi comuni…anche da prima che diventasse –come oggi – un punto cruciale dei rapporti tra meteorologi ed operatori turistici. Allora non c’erano le previsioni “scientifiche”… c’era la saggezza popolare, l’esperienza, la competenza di alcune categorie quali gli agricoltori (i cuntadèin) ed i marinai (i marinèr).
Questi conoscevano i venti e dalla loro direzione traevano la previsione: l’e’ vènt da tramuntèna.. se cala us fa un cul ad néva”,  osservavano le nuvole ed i loro spostamenti: lì va d’inzó… un piòv..”, seguivano le fasi della luna indicate dai calendari “òz l’ha fat la luna e va e’ tèmp bòn per un més”.
Tiglio si affidava anche al barometro, strumento che a casa nostra non è mai mancato…. Ogni giorno dava i colpetti che spostavano le lancette, fornendo indicazioni inconfutabili  “e’ barometrè è va zó—e’  tèmp e’ farà e’ dièvùl”! e non mancava di ascoltare al mattino presto, il bollettino del mare trasmesso dalla radio – la televisione era di là da venire – rivolto ai naviganti..”mare forza 8… moto ondoso in aumento…”.
Ma per gli altri comuni mortali il “tempo” – perché erano così denominate le condizioni atmosferiche”- era motivo in più per sfogare il proprio perenne malcontento….così se il primo caldo era fastidioso “i prim fréd j’è i pió brót”, la nebbia “la t’èntra drènta agli òsi” “ un sarìa gnènca chèld, l’è l’umidità cla t’amaza”, “un pèr gnènca invèrne..us  la farà paghè st’istèda..”, “nu lamentèv: l’è chèld ma l’è sót”, “stè garbèin ut va tla tèsta”… e non mancava mai “in gnè pió al mèzi stasòun.. per forza sa tót chi méssìl chi manda só…”!
#buonamemoria

Pubblicato 22 ore fa

Rimini Sparita

un pò di romagnolità.... ... EspandiRiduci

un pò di romagnolità....

 

Commenta su Facebook

"Romagna Mia" una delle canzoni italiane più cantate nel mondo... peraltro le parole sono quelle di un emigrato italiano che pensa alla sua casa....

Secondo Casadei (nato a Sant'Angelo di Gatteo il 1º aprile 1906 - morto a Forlimpopoli il 19 novembre 1971) autore nel 1954 della canzone Romagna mia.

"Secondo" a nessuno...

Anno 1971 - “Ritorna a Rimini” canzone valzer di Casadei Videoclip girato con il maestro Secondo, canta Pino Flamini. www.youtube.com/watch?v=CQ9awsqrsso

Pubblicato 1 giorno fa

Rimini Sparita

I villini lungo Viale Regina Elena - ©Biblioteca civica Gambalunga #fotostoriche #riminisparita #bancacarim #bibliotecagambalunga ... EspandiRiduci

I villini lungo Viale Regina Elena - ©Biblioteca civica Gambalunga #fotostoriche #riminisparita #bancacarim #bibliotecagambalunga

 

Commenta su Facebook

Valentina Paloschi

Pubblicato 1 giorno fa

Rimini Sparita

Buona domenica.... ... EspandiRiduci

Buona domenica....

Pubblicato 2 giorni fa

Rimini Sparita

in riva ... EspandiRiduci

in riva

Pubblicato 2 giorni fa

Rimini Sparita

“Cosa ci hanno lasciato" di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“L’è na minèstra clà dmànda ma cgl’èltri minèstri chè raza ad minèstra clè…”
E’una minestra così indefinita nel suo sapore, nei suoi ingredienti che, se potesse parlare, chiederebbe alle altre ministre di chiarire la sua identità…
Cibo, ancora cibo ma non ricette o soluzioni creative per “rimediare” di cui tanto ho scritto e ricordato ma una rassegna di definizioni casarecce, di modi di dire domestici, di commenti ironici, alcuni diffusi altri molto personali. Il commento di cui sopra lo sentivo pronunciare al babbo quando la mamma gli sottoponeva una minestra “rimediata” con tutti gli ingredienti che aveva scovato. Se poi era troppo densa “la pèr còla da tachè i manifèst…”. Sempre il babbo da marinaio, pescatore, esperto di pesce sia nella rete che nel tegame era sempre molto critico sul brodetto che, diceva, “un’è la sópa”…anche la mamma ovviamente se la cavava, eccome, ma Tiglio, con ironia accompagnava spesso la degustazione con il commento “è il brodetto che fece Giacane, non lo mangiava neanche il cane..” e la mamma, risentita, toccata nel suo punto di forza, la cucina, ribatteva a denti stretti “val magnè da la tu amiga clè pió brèva…”. Non meno feroce, seppur pronunciata sottovoce, la valutazione con cui il babbo, allo solo scopo di farla arrabbiare, rispondeva alla domanda ansiosa della mamma che lo osservava mentre portava la forchetta alla bocca: “cum clè?” e lui “mah! Ti lascia come ti trova!”.
Sempre del babbo la definizione di “spudapèn” riferita ai “guvàt… bòn snà tlà fritùra o per fè e’ bród..”… e sempre a criticare la mamma che faceva “i sèlt murtèl” per far quadrare i conti… anche andando in pescheria nel pomeriggio puntando sul calo dei prezzi… se ne usciva con “a so ènca è caz chi tlà dè pèr pòc… l’è tóta rungaja…”… Mitica la sua definizione alla prima vista dell’insalatona, quella col granoturco… “è pèr è pastòun de baghìn…”.
Riporto queste espressioni in RS proprio perché stanno sparendo a causa dei cambiamenti negli stili di vita e dell’estinzione progressiva dei soggetti che davano peso al mangiare e che trascorrevano tempo attorno ad un tavolo..
Sono fortunata perché vivo con la Elsa (92) che non solo ha mantenuto il linguaggio ma anche molte delle abitudini di un tempo.. così all’acqua del frigor od a quella minerale, preferisce l’acqua fresca, fatta scorrere dal rubinetto “falà vnì zó snà l’è chèlda cum’è e’ pés..” e dopo “che schìv la sa ad acìd fènic..” mentre il vino lasciato aperto sul tavolo.. “l’è dvènt fòrt, è pèr sèda..”. E la frutta colta anzitempo, maturata nei frigor “la lapa” come i cachi non maturi… “è pèr na volta che pér sparagnè andemiè s’è merchè a tò la fróta täca…po’ la cusémiè…..e’ prùfóm us sèntiva dal schèli”.
Così la verdura di cui “un s’butèva via gnìnt”..e si poteva dire “l’insalèda ad campagna l’as cunza quand l’as magna..”..nà cum’adèss che i bóta l’aqua per fè véda clè frèsca isè la s’infrèida”.
Grande diffidenza è verso la piada “moderna” : “l’è cruda, l’è ingènghida, l’è s-ciavida, la s’indùrés sóbit..”. Ed anche verso lo stile “moderno” di fare la spesa.. “al dòni clì scapa a mizdè an so cum clì fa a fè da magnè”…. “ i và tò è pès è sabèt ma l’ultmè dé chi va in mèr l’è è giuvìdé.. è sabèt l’è pas ad là..”.. Così se “la sunsézza la n’è bòna, è sug è vèin “rènzg”… se la minestra “l’an sa ad gnìnt.. l’è bòna da sbàt…” variante di “da fè n’impiastrè..”..
Ah mica sempre in negativo… perché di quello che le piace dice ancora “al magnarìa sóra la pènza d’un mòrt”…”fréti a gli è bòni ènca al spuntaturi d’azidèint”. E con che gusto alla domanda “come si mangiano le lumachine” risponde “u spaca e’ cùl e pó us ciócia… “
E si potrebbe continuare ma sono sicura che ognuno/a avrà le sue da ricordare insieme a noi…
#buonamemoria
... EspandiRiduci

“Cosa ci hanno lasciato di Grazia Nardi
Vocabolario domestico
“L’è na minèstra clà dmànda ma cgl’èltri minèstri chè raza ad minèstra clè…”
E’una minestra così indefinita nel suo sapore, nei suoi ingredienti che, se potesse parlare, chiederebbe alle altre ministre di chiarire la sua identità…
Cibo, ancora cibo ma non ricette o soluzioni creative per “rimediare” di cui tanto ho scritto e ricordato ma una rassegna di definizioni casarecce, di modi di dire domestici, di commenti ironici, alcuni diffusi altri molto personali. Il commento di cui sopra lo sentivo pronunciare al babbo quando la mamma gli sottoponeva una minestra “rimediata” con tutti gli ingredienti che aveva scovato. Se poi era troppo densa “la pèr còla da tachè i manifèst…”. Sempre il babbo da marinaio, pescatore, esperto di pesce sia nella rete che nel tegame era sempre molto critico sul brodetto che, diceva, “un’è la sópa”…anche la mamma ovviamente se la cavava, eccome, ma Tiglio, con ironia accompagnava spesso la degustazione con il commento “è il brodetto che fece Giacane, non lo mangiava neanche il cane..” e la mamma, risentita, toccata nel suo punto di forza, la cucina, ribatteva a denti stretti “val magnè da la tu amiga clè pió brèva…”. Non meno feroce, seppur pronunciata sottovoce, la valutazione con cui il babbo, allo solo scopo di farla arrabbiare, rispondeva alla domanda ansiosa della mamma che lo osservava mentre portava la forchetta alla bocca: “cum clè?” e lui “mah! Ti lascia come ti trova!”.
Sempre del babbo la definizione di “spudapèn” riferita ai “guvàt… bòn snà tlà fritùra o per fè e’ bród..”… e sempre a criticare la mamma che faceva “i sèlt murtèl” per far quadrare i conti… anche andando in pescheria nel pomeriggio puntando sul calo dei prezzi… se ne usciva con “a so ènca è caz chi tlà dè pèr pòc… l’è tóta rungaja…”…  Mitica la sua definizione alla prima vista dell’insalatona, quella col granoturco… “è pèr è pastòun de baghìn…”.
Riporto queste espressioni in RS proprio perché stanno sparendo a causa dei cambiamenti negli stili di vita e dell’estinzione progressiva dei soggetti che davano peso al mangiare e che trascorrevano tempo attorno ad un tavolo..
Sono fortunata perché vivo con la Elsa (92) che non solo ha mantenuto il linguaggio ma anche molte delle abitudini di un tempo.. così all’acqua del frigor od a quella minerale, preferisce l’acqua fresca, fatta scorrere dal rubinetto “falà vnì zó snà l’è chèlda cum’è e’ pés..” e dopo “che schìv la sa ad acìd fènic..” mentre il vino lasciato aperto sul tavolo.. “l’è dvènt fòrt, è pèr sèda..”. E la frutta colta anzitempo, maturata nei frigor “la lapa” come i cachi non maturi… “è pèr na volta che pér sparagnè andemiè s’è merchè a tò la fróta täca…po’ la cusémiè…..e’ prùfóm us sèntiva dal schèli”.
Così la verdura di cui “un s’butèva via gnìnt”..e si poteva dire “l’insalèda ad campagna l’as cunza quand l’as magna..”..nà cum’adèss che i bóta l’aqua per fè véda clè frèsca isè la s’infrèida”.
Grande diffidenza è verso la piada “moderna” : “l’è cruda, l’è ingènghida, l’è s-ciavida, la s’indùrés sóbit..”. Ed anche verso lo stile “moderno” di fare la spesa.. “al dòni clì scapa a mizdè an so cum clì fa a fè da magnè”…. “ i và tò è pès è sabèt ma l’ultmè dé chi va in mèr l’è è giuvìdé.. è sabèt l’è pas ad là..”.. Così se “la sunsézza la n’è bòna, è sug è vèin “rènzg”… se la minestra “l’an sa ad gnìnt.. l’è bòna da sbàt…” variante di “da fè n’impiastrè..”..
Ah mica sempre in negativo… perché di quello che le piace dice ancora “al magnarìa sóra la pènza d’un mòrt”…”fréti a gli è bòni ènca al spuntaturi d’azidèint”.  E con che gusto alla domanda “come si mangiano le lumachine” risponde “u spaca  e’ cùl e pó us ciócia… “
E si potrebbe continuare ma sono sicura che ognuno/a avrà le sue da ricordare insieme a noi…
#buonamemoria

Pubblicato 2 giorni fa

Rimini Sparita

Restauri all'Arco d'Augusto -Luigi Pasquini, 1946 ... EspandiRiduci

Restauri allArco dAugusto -Luigi Pasquini, 1946
Carica altro...